News
2021-03-09 10:28:54
EcoDesign traslucido: etichetta ambientale EPD per l'edilizia sostenibile in policarbonato
L'analisi del ciclo di vita (Life-Cycle Assessment) è uno strumento per analizzare i carichi energetici e gli impatti ambientali associati alle varie fasi dell'intero ciclo di vita di un prodotto: dall'estrazione delle materie prime alle fasi di trasformazione, produzione, distribuzione, uso e infine dismissione o riciclo. La valutazione LCA, definita dalle norme ISO della serie 14040, rappresenta un ottimo strumento di supporto per la progettazione sostenibile. La stesura di questa analisi, che si articola in quattro fasi, è essenziale per realizzare adeguati interventi di miglioramento nei processi produttivi e per il riconoscimento di  etichette ecologiche o dichiarazioni ambientali di prodotto (EDP).

La dott.gallina ha scelto di aggiornare le valutazioni delle performance ambientali dei propri prodotti in funzione dei continui ammodernamenti tecnologici, mettendo a disposizione di progettisti, costruttori ed architetti dei valori aggiornati che consentano di quantificare i benefici derivanti dall’installazione di pannellature in policarbonato. Infatti in settore dell’edilizia necessita sempre più attenzione verso l’efficienza energetica e la salvaguardia ambientale.

SE HAI BISOGNO DI INFORMAZIONI PER IL TUO PROGETTO, CONTATTA IL NOSTRO UFFICIO TECNICO SCRIVENDO A  technical.support@gallina.it

Il mercato delle costruzioni sostenibili, non riguarda solo chi progetta ma soprattutto chi produce materiali da costruzione, che devono essere conformi ai sempre più elevati  standard energetici. Pavimenti, porte, serramenti, isolanti, laterizi sono tutti prodotti che in fase di progettazione, devono essere presi in considerazione dal designer e dal progettista, facendo riferimento ai possibili punteggi o crediti LEED ad essi correlati per essere in grado di supportare il punteggio finale atteso che edificio vorrebbe ottenere; che si tratti  di nuova costruzione o di un intervento di riqualificazione.

FOCUS SULLA CERTIFICAZIONE LEED®:

La certificazione LEED® viene rilasciata all'edificio da intendersi come progetto costruttivo globale. Tuttavia è essenziale valutare con accuratezza i singoli componenti strutturali dell'edificio, così come la scelta del luogo, le politica di recupero dei materiali di scarto, etc… sono tutti elementi che concorreranno al conseguimento di un punteggio più o meno elevato a seconda di quanti punti soddisfano i criteri imposti dallo standard LEED®.

La certificazione dell’edificio nella versione 4.0 del protocollo americano, si basa su una checklist suddivisa in otto categorie: Trasporto e Ubicazione (LT), Sostenibilità del sito (SS), Efficienza risorse idriche (WE), Energia e Atmosfera (EA), Materiali e Risorse (MR), Qualità degli ambienti interni (IEQ), Innovazione (I), Priorità Regionale (PR).

Il progetto dell’edificio dovrà avere delle caratteristiche tali da raggiungere il massimo punteggio per ogni area. Il punteggio massimo raggiungibile è di 110 punti e corrispondente alla certificazione LEED Platinum. Il minimo punteggio per certificarsi è 40 punti, corrispondente alla certificazione LEED® di base.

Parlare di “certificazione LEED®” per un prodotto non è corretto, in quanto solo un edificio nel suo complesso può ottenere la certificazione LEED. I prodotti e materiali, tuttavia, rivestono un ruolo importante nella certificazione, perchè possono contribuire ad aumentare i crediti necessari per raggiungere il livello minimo per poter certificare un edificio, tipicamente nella categoria Materiali e Risorse, ma non solo.